November 8, 2022
7
min

I miti sulla masturbazione femminile

La masturbazione, in generale, è stata per molti anni vittima di diversi miti. Ciò è dovuto principalmente al fatto che si tratta di un aspetto della sessualità che è stato storicamente frainteso dalla religione e dalla cultura e che in molte occasioni è stato deliberatamente tenuto nascosto. Allo stesso modo, sono le donne ad aver subito le maggiori restrizioni e il controllo sociale sui loro bisogni sessuali. 

In molte culture antiche, la masturbazione era venerata come un dono divino. In Egitto, ad esempio, le grandi personalità femminili venivano sepolte con tutto ciò di cui pensavano di aver bisogno nell'aldilà, compresi i loro sex toys. La Grecia era famosa anche per i suoi articoli in pelle, tanto che, nella commedia classica Lisistrata1, le donne del dramma, che a un certo punto fecero uno sciopero del sesso, sentivano la mancanza di questi strumenti sessuali. Tuttavia, con l'avvento del cristianesimo e la nascita della Chiesa, la masturbazione cominciò a essere condannata. Figure come Sant'Agostino d'Ippona e San Tommaso d'Aquino scrissero sul peccato della masturbazione, affermando che si trattava di un reato ancora più grave dell'incesto o dell'adulterio. In altre culture non cristiane la masturbazione, soprattutto quella femminile, è ancora oggi un argomento proibito e condannato.

A metà del XX secolo, Alfred Kinsey2 , il famoso scienziato del sesso, ha studiato e confermato l'assiduità di alcune pratiche sessuali tra la popolazione bianca degli Stati Uniti, tra cui la masturbazione. Com'era prevedibile, il suo rapporto non fu ben accolto da una società conservatrice ma, a poco a poco, risollevò la questione e aprì la strada a nuovi modi di interpretare la sessualità che non fossero legati alla religione. Oggi la scienza ci assicura che la masturbazione non è solo necessaria, ma anche salutare.

Eppure, siamo nel secondo decennio del XXI secolo e troviamo ancora donne che mentono sulla loro sessualità. Secondo la sessologia3 , le donne hanno maggiori probabilità di provare sensi di colpa dopo la masturbazione rispetto agli uomini. Quindi, la masturbazione femminile è davvero normalizzata? Con quante persone ne parliamo senza nascondere informazioni?

Esistono ancora oggi numerosi miti che ruotano attorno alla masturbazione femminile e la loro demistificazione può contribuire all'educazione sessuale, soprattutto per le donne, aiutando a bandire bugie, ignoranza e sensi di colpa dai nostri spazi di salute.

  1. Poche donne ricorrono alla masturbazione. La masturbazione femminile non è l'eccezione ma la regola. Molte donne, come molti uomini, ricorrono alla masturbazione per procurarsi piacere. Quando non ci sono inibizioni che inducono a mentire nelle risposte o impedimenti a sperimentare l'orgasmo, la percentuale di donne che ammettono di masturbarsi rimane nell'ordine del 90%
  2. Le donne si masturbano meno frequentemente degli uomini. Alcuni studi riportano che ci si tocca, a tutte le età, anche una volta al giorno. Sebbene sia difficile da confermare, dato il grado di mistificazione generalmente fornito nelle risposte ai sondaggi, è importante notare che la frequenza media con cui questo comportamento veniva confrontato in passato era quella di una masturbazione aneddotica o occasionale, corrispondente allo stereotipo dell'epoca. Quello che si può dire è che si tratta di una pratica comune tra le donne.
  3. Le donne scoprono la masturbazione solo dopo il primo rapporto sessuale. Il rapporto Shere Hite4 degli anni '70 ha rivelato una popolazione femminile che inizia a masturbarsi intorno ai 10 o 11 anni, molto prima della prima esperienza sessuale. Inoltre, il rapporto ha rivelato che la masturbazione è il modo più efficace per raggiungere l'orgasmo nel 96% dei casi riportati. "La masturbazione è la chiave per comprendere l'orgasmo femminile", è una delle celebri e rivoluzionarie affermazioni di Shere Hite.
  4. Le donne in coppia non si masturbano. Masturbarsi in coppia non è sinonimo di qualcosa che non funziona nella coppia, che la donna soffre di qualche problema mentale o, tanto meno, che il partner non la soddisfa sessualmente. Nell'immaginario collettivo, la masturbazione e la sessualità percorrono strade molto diverse, ma l'atto da soli o in coppia non sono antagonisti, bensì soddisfano bisogni diversi. Infatti, la masturbazione per le donne aiuta a mantenere alto il livello di libido. Oggi, inoltre, è stato dimostrato, attraverso la vendita di stimolatori clitoridei, che essi vengono utilizzati sia da soli che nei rapporti di coppia.
  5. La masturbazione femminile è un segno di immaturità. Non si osservano tratti di immaturità nella personalità delle donne adulte che riferiscono di essersi masturbate. Inoltre, considerando che la maggior parte della popolazione femminile si masturba, sarebbe contraddittorio pensare che si tratti di personalità immature. In effetti, quando si indaga su questa ipotesi, la domanda da porsi è: quali sono i tratti della personalità delle donne che non si masturbano? Le pratiche di masturbazione aiutano le donne a conoscersi, a capire la loro reattività sessuale, a cosa reagiscono e come lo fanno, permettendo loro di migliorare il rapporto con se stesse e con il sesso.

I miti sono costruzioni sociali che riproduciamo a livello discorsivo o comportamentale senza esserne consapevoli. In larga misura, rispondono a paure essenziali. Queste costruzioni teoriche e poi discorsive ci dicono cosa dovremmo fare e cosa non dovremmo fare, cosa dovremmo pensare di certe situazioni e cosa non dovremmo pensare, e infine cosa dovremmo sentire e cosa non dovremmo sentire. Ad esempio, il mito esistente secondo cui l'uomo è l'unico a dover soddisfare la propria partner può avere a che fare con la paura di non saper gestire l'incertezza, il dubbio, i limiti, l'infedeltà, ecc. Costruiamo quindi un discorso che ci difende e ci protegge da queste emozioni negative ed è così che legittimiamo modi di pensare, comportarci e sentire.  

Ma fortunatamente i miti stanno cambiando, così come cambiano i discorsi culturali. Oggi siamo consapevoli e in grado di verbalizzare l'importanza fondamentale della masturbazione nella comprensione e nella gestione del piacere sessuale femminile. Questo è uno dei tanti frutti che derivano dall'instancabile lavoro di tante donne che, con cura, forza e convinzione, hanno indagato su un tema ancora oggi controverso.

E la masturbazione maschile?

Come abbiamo visto, trattandosi di una pratica storicamente censurata in quanto il suo risultato non è la procreazione e, ricordiamo, secondo la religione cattolica le pratiche sessuali possono avere solo uno scopo riproduttivo, prevalgono ancora alcuni miti sulla masturbazione, compresa quella maschile. Oggi molti uomini, pur praticandola, si sentono in colpa o hanno paura di viverla o di esprimerla apertamente. Tra questi miti ci sono:

  • In coppia, la masturbazione è solo un preliminare
  • Indebolisce il piacere nei rapporti sessuali e promuove un comportamento sessuale egoistico
  • Genera l'eiaculazione precoce
  • È una pratica riservata ai giovani o alle personalità immature
  • È un pessimo sostituto del rapporto sessuale

La sessuologia ha avuto un lungo cammino da percorrere per separarsi dalla religione, ma, a poco a poco, sono state ottenute alcune vittorie. Queste piccole vittorie hanno permesso agli esseri umani di normalizzare la pratica della masturbazione e, inoltre, di considerarla accettabile e raccomandabile dal punto di vista della salute generale. Si tratta di godere del proprio corpo, di ottenere piacere sessuale e di considerarlo come una risorsa per conoscere le proprie preferenze sessuali e condividerle con un partner, se ciò è di gradimento per le persone coinvolte.

Oggi la masturbazione è accettata da tutti gli studi scientifici come una pratica praticata da circa il 90-97% degli uomini e dal 75-80% delle donne. Secondo la medicina e la psicologia moderne, la masturbazione non causa danni fisici o mentali ed è considerata una pratica normale e persino raccomandata per alcuni casi di disfunzione sessuale femminile6.

Benefici della masturbazione

Alcuni dei benefici della masturbazione sono:

  • Aumenta i livelli di dopamina e quindi la sensazione di benessere
  • Aumenta i livelli di endorfine e quindi riduce i livelli di stress.
  • Aumenta la libido e quindi la sensazione di piacere.
  • Rafforza la circolazione del pavimento pelvico 
  • Diminuisce il dolore nelle zone pelviche grazie al rilascio di endorfine e dopamina 
  • Migliora il flusso sanguigno
  • Stimola l'autoconsapevolezza e la fiducia nel controllo del proprio corpo
  • Favorisce il sonno grazie alla liberazione dallo stress e alle sensazioni di piacere. 

Per finire, vorremmo condividere una delle conclusioni più importanti dello studio del Dr. Hite, rivoluzionario all'epoca e valido ancora oggi, che è il seguente: "per le donne, la penetrazione senza alcuna stimolazione clitoridea non è sinonimo di orgasmo e solo il 30% lo raggiunge in questo modo. La masturbazione è il modo più efficace per raggiungere l'orgasmo e costituisce quindi la pietra miliare del climax femminile". Ma perché, dopo tutto questo tempo, continuiamo a ignorare questa rivelazione? La risposta della dottoressa Hite è schietta: "Perché le donne sono state trattate come cittadini di seconda classe quando si tratta di sessualità. La masturbazione è lo strumento esplorativo fondamentale per una sessualità femminile responsabile, matura e libera da pregiudizi.

Riferimenti:
1‘Lisístrata’, la comedia griega de Aristófanes en el cine. Blog 20 minutos: https://blogs.20minutos.es/la-claqueta-de-la-historia/2021/12/04/lisistrata-la-comedia-griega-de-aristofanes-en-el-cine/
2Kinsey, A. C., Pomeroy, W. B., Martin, C. E., y Gebhard, P. H. (1998). Sexual behavior in the human female. Indiana University Press.
3Por qué todavía hay mujeres que no se masturban (o que niegan hacerlo). Código Nuevo: https://www.codigonuevo.com/relaciones/mujeres-masturban-niegan-hacerlo
4Shere Hite, confesora sexual de toda una generación. El País: https://elpais.com/sociedad/2020-09-14/shere-hite-confesora-sexual-de-toda-una-generacion.html
5Ramos Brieva, J. A. (2011). Los mitos encubridores de la masturbación femenina. Psiquiatria.com, 15. Recuperado de https://docplayer.es/41867570-Los-mitos-encubridores-de-la-masturbacion-femenina-the-myths-that-conceal-to-the-feminine-masturbation.html
6Franco Ayala, L. C. (2019). Asociación entre masturbación y disfunciones sexuales en mujeres mayores 18 años en consulta ginecológica (Doctoral dissertation, Universidad del Rosario).
Compartir artículo:

Artículos relacionados