November 27, 2022
7
min

I segnali dello shopping compulsivo e come evitarlo

Nel corso di quest’anno, gli italiani arriveranno ad acquistare online qualcosa come 45,9 miliardi di euro, con una crescita del 14% rispetto allo scorso anno secondo una ricerca di Netcomm1. Per molte persone lo shopping è un indice di felicità, status sociale e benessere emotivo. Tutti facciamo acquisti, per comprare le cose di cui abbiamo bisogno per vivere, dal cibo ai vestiti alla tecnologia che usiamo ogni giorno. Tuttavia, ci sono persone per le quali lo shopping non è solo una forma di consumo, ma un modo per gestire l'ansia.

Si tratta di persone che acquistano d'impulso, spinte dal piacere immediato che traggono da questo comportamento, indipendentemente dal fatto che abbiano bisogno o meno del prodotto. Si tratta di persone spinte dal desiderio irrefrenabile e incontrollabile di acquistare perché l'atto di comprare dà loro un'enorme soddisfazione e le aiuta ad alleviare l'ansia, lo stress o la frustrazione della loro vita. Il problema è che, a lungo andare, questi acquisti compulsivi non solo finiscono per avere un pesante tributo finanziario, ma aumentano anche la sensazione di mancanza di controllo nella propria vita.

I bisogni, il motore degli acquisti

La maggior parte delle persone non presta attenzione al proprio comportamento d'acquisto. Tendono a pensare che si tratti di un'azione molto semplice, per cui finiscono per acquistare quasi automaticamente. Scelgono l'oggetto o il prodotto che desiderano, selezionano il modello preferito e lo pagano. In realtà, però, il processo di acquisto è molto più complesso. Secondo Philip Kotler, il padre del marketing moderno, tutto inizia con il riconoscimento di un bisogno insoddisfatto o di un problema da risolvere, che è ciò che motiva il consumo. Il problema sorge quando il desiderio viene confuso con il bisogno.

Per comprendere meglio questo fenomeno, è importante tornare alla gerarchia dei bisogni umani descritta dallo psicologo Abraham Maslow, che distingue tra bisogni primari e secondari. I bisogni primari o di base sono quelli che ci permettono di vivere e di sentirci sicuri nel nostro ambiente, come il cibo, il riposo e il riparo. I bisogni secondari o superiori, invece, sono quelli che non sono essenziali per la vita ma che hanno un impatto sul nostro sviluppo e benessere, come andare a mangiare al ristorante con gli amici o leggere un libro. Questi ultimi sono caratterizzati da una forte componente emotiva in cui la sensazione di mancanza si trasforma in desiderio.

Sia la pubblicità che il marketing e l'eccesso di offerta di prodotti fanno sì che il nostro cervello interpreti i desideri come bisogni. Di conseguenza, molte persone finiscono per acquistare oggetti o prodotti che facilitano la loro vita ma di cui non hanno realmente bisogno perché li considerano "essenziali" per la loro vita. Inoltre, manipolano le emozioni delle persone per indurle ad acquistare l'ultimo articolo alla moda, vendendo loro la falsa idea che questi prodotti le faranno sentire più speciali e felici. In questo modo, i consumatori finiscono in un ciclo di consumo in cui più si ha, più si ha bisogno e si desidera.

La stessa società dei consumi attribuisce sempre più la realizzazione personale ai beni e alle proprietà, a ciò che si compra e a dove lo si compra, mescolando così valori e consumi. Il problema è che, a lungo andare, questo continuo guardare all'esterno e alle apparenze piuttosto che all'interno può avere un pesante impatto emotivo e plasmare persone che non sono in grado di gestire le proprie emozioni e hanno bisogno di ricorrere a beni e acquisti per sentirsi bene con se stessi, combattere l'ansia, controllare la rabbia e affrontare lo stress o la frustrazione nella vita di tutti i giorni. Terreno fertile per chi cerca di nascondere i propri sentimenti di solitudine, infelicità e/o insicurezza ricorrendo allo shopping compulsivo.

Che cosa succede nella mente di un acquirente compulsivo?

Bisogna sottolineare che, vivendo nell'odierna società dei consumi, essere un acquirente abituale o avere una predilezione per l'abbigliamento alla moda non significa automaticamente essere un acquirente compulsivo. Lo shopping compulsivo, noto anche come oniomania, è un disturbo multifattoriale influenzato anche da altri elementi, come alcuni tratti di personalità, un ambiente familiare disfunzionale o l'esistenza di fattori di rischio psicologici.

È noto che le persone a cui è stato diagnosticato un disturbo d'ansia, dell'umore, un problema di controllo degli impulsi o una dipendenza da sostanze hanno maggiori probabilità di diventare acquirenti compulsivi, come rivela uno studio condotto presso l'Università Autonoma di Barcellona. Allo stesso modo, le persone con scarso autocontrollo, bassa autostima, un'immagine negativa di sé, un'elevata insicurezza o una dipendenza nei confronti dell'approvazione sociale hanno maggiori probabilità di diventare acquirenti impulsivi, come confermano gli esperti dell'Università di Bologna.

Tuttavia, ciò che distingue realmente un consumatore e un consumatore compulsivo è il meccanismo psicologico che sta alla base dell'acquisto. Mentre la maggior parte delle persone che acquistano per semplice consumo sono motivate dall'atto di acquisire beni per sentirsi meglio, ottenere per un riconoscimento sociale o per migliorare la propria autostima, ciò che spinge gli acquirenti compulsivi è di solito l'acquisto stesso. Per gli acquirenti compulsivi, l'atto di comprare è un momento catartico, attraverso il quale alleviano l'ansia, scaricano le tensioni e provano un fugace senso di calma e tranquillità.

Il meccanismo psicologico alla base dello shopping compulsivo è molto simile a quello delle dipendenze. Prima dell'acquisto, la persona sperimenta una sorta di disagio emotivo sotto forma di ansia, depressione o insicurezza che aumenta la sensazione di "urgenza", riducendo al contempo l'attenzione selettiva e il controllo inibitorio. In questo modo, si precipitano nell'acquisto alla ricerca di una gratificazione immediata che permetta loro di sentirsi meglio con se stessi. E ci riesce, solo che questa sensazione di benessere scompare rapidamente e al suo posto arrivano il rimpianto, il senso di colpa e il rimorso per aver ceduto ancora una volta a questo comportamento.

Segnali per riconoscere lo shopping compulsivo

Come nel caso delle dipendenze, molti acquirenti compulsivi non sono consapevoli del problema. In effetti, in molti casi anche le persone che li circondano non sono in grado di identificare il comportamento fino a quando le conseguenze non diventano evidenti. Fortunatamente, esistono alcuni segnali che possono aiutare a identificare un acquirente compulsivo prima che il problema prenda piede. In generale, un consumatore compulsivo:

  • Sente un impulso irresistibile a comprare oggetti inutili che non gli sono necessari e che spesso non utilizza.
  • Sperimenta uno stato di euforia al momento dell'acquisto che scompare rapidamente dopo l'acquisto.
  • Quando è triste, ansioso o frustrato, esce a fare shopping o passa molte ore sui siti di shopping online.
  • Spende molto tempo e sforzo a cercare articoli e prodotti da acquistare.
  • Pianifica e trascorre il tempo a organizzare acquisti che non farà mai.
  • Gli acquisti che realizza vanno oltre il suo potere d'acquisto, per cui spesso finisce per indebitarsi.
  • Si sente in colpa o si vergogna, si pente dell'acquisto e si rende conto di aver ceduto ancora una volta ai suoi impulsi.

Guida pratica: cinque consigli per frenare gli acquisti compulsivi

Vivere in una società sempre più orientata al consumo e che facilita il processo di acquisto non aiuta gli acquirenti compulsivi. Tuttavia, è possibile frenare l'impulsività, contenere la voglia di comprare e regolare lo shopping compulsivo. Ecco alcune idee utili che possono aiutarti:

  1. Prendi tempo per riflettere prima di ogni acquisto. Prima di fare un acquisto, anche se piccolo, è bene prendersi un po' di tempo per pensare al prodotto, all'oggetto o al servizio che si vuole acquistare: ne abbiamo davvero bisogno? Come cambierebbe la nostra vita se decidessimo di non acquistarlo? È possibile rimandare l'acquisto di qualche settimana o mese? Se ritieni di non averne realmente bisogno e di poter continuare a vivere senza, forse non dovresti acquistarlo
  2. Presta attenzione alle tue emozioni al momento dell'acquisto. Le emozioni sono uno degli indicatori più potenti dell'acquisto compulsivo. Pertanto, ogni volta che senti l'impulso di comprare qualcosa, fai una pausa e concentrati sulle emozioni che provi in quel momento: ti senti triste, arrabbiato, ansioso? Potrebbe essere meglio rimandare l'acquisto fino a quando le emozioni saranno passate e poi riflettere di nuovo se si ha davvero bisogno di ciò che si sta per comprare.
  3. Pianifica ciò che vuoi acquistare. Non c'è modo migliore per frenare l'acquisto impulsivo che pianificare in anticipo ciò che si intende acquistare. Prima di recarti in un negozio o di visitare un sito online, prepara una lista delle cose di cui hai bisogno. Il giorno dopo riguarda l'elenco e pensa se hai ancora bisogno di tutto ciò che avevi annotato. Elimina tutti gli elementi superflui dalla lista e attieniti a ciò che hai scritto.
  4. Imposta un budget fisso. Avere un budget per gli acquisti non solo ti aiuterà a organizzare le tue finanze personali, ma ti impedirà anche di fare acquisti compulsivi. L'ideale sarebbe stabilire un budget fisso all'inizio del mese, separando il denaro che si spenderà per lo shopping. Fai coincidere il tuo budget con la tua lista degli acquisti e, se non è sufficiente, dai priorità agli articoli di cui hai più bisogno e lascia quelli in sospeso per il mese successivo. Cerca di essere onesto con te stesso e non sforare in nessun caso il budget.
  5. Compra in compagnia. Andare a fare shopping con il partner, un amico o un familiare ti aiuterà a frenare l'impulso all'acquisto. Quindi parla apertamente con qualcuno di cui ti fidi, digli cosa ti sta succedendo e chiedigli di accompagnarti nei tuoi acquisti. È un modo semplice per evitare le tentazioni e per  imparare a controllare il proprio comportamento.

Affinché possa pianificare il tuo shopping, da TherapyChat vogliamo condividere con te questa lista che puoi compilare con tutti gli articoli indispensabili o, se preferisci, con i consigli che non vuoi dimenticare. Fai clic con il pulsante destro del mouse per salvarla:

Infine, se non ti senti bene con te stesso e hai bisogno di rafforzare la tua autostima, lo shopping compulsivo non ti aiuterà, al contrario può diventare un problema ancora più grande. Se senti di non riuscire a risolvere il problema da solo, puoi rivolgerti a uno psicologo che ti fornirà le risorse necessarie per riprendere il controllo della tua vita.

Riferimenti
1https://www.consorzionetcomm.it/
Marcet, D. et. Al. (2015) El trastorno de la compra compulsiva. Cuadernos de medicina psicosomática y psiquiatría de enlace; 117: 11-16.
Biolcati, R. (2017) The Role of Self-esteem and Fear of Negative Evaluation in Compulsive Buying. Frontiers in Psychology.
Compartir artículo:

Artículos relacionados