December 6, 2022
6
min

Atazagorafobia e lutto: come affrontare la paura di dimenticare dopo la morte?

"La morte non esiste, le persone muoiono solo quando se ne dimenticano", scriveva la scrittrice cilena Isabel Allende. Per molte persone questa frase diventa una vera e propria ossessione nella loro vita e si sforzano di non dimenticare i loro cari nemmeno per un istante. Chi soffre di atazagorafobia crede che, se lascia andare il ricordo di una persona cara, questa scomparirà per sempre dalla sua vita e vive nella paura che questo succeda, perché non riesce a immaginare un futuro senza di lei. Si aggrappa al ricordo perché crede che non farlo significherebbe riconoscere che la persona non era poi così importante e che ne stanno disonorando la memoria.

In base a questa idea, alcuni scelgono di visitare continuamente la tomba nel cimitero, altri collocano una fotografia o addirittura creano un vero e proprio altare nel loro salotto per non dimenticare nessun dettaglio del volto di quella persona, altri ancora la rendono sempre presente nelle loro conversazioni, incorporando il defunto nel loro discorso come se stessero parlando con lui o lei. Se è vero che ricordare le persone che non ci sono più è una cosa umana, rimanervi troppo attaccati può causare danni emotivi e psicologici profondi, impedendo di andare avanti con la propria vita.

L'oblio adattivo dopo un lutto

La perdita di una persona cara è sempre uno shock emotivo. Tuttavia, all'iniziale profonda tristezza e negazione segue un periodo di accettazione in cui si comincia a prendere coscienza della necessità di adattarsi a vivere senza la persona. Il processo di elaborazione del lutto può richiedere più o meno tempo, ma di solito arriva un momento in cui le persone, ognuna a modo suo, iniziano ad adattarsi all'idea di un futuro senza la persona amata. A questo punto entra in gioco l'oblio adattivo.

L'oblio ha una funzione adattiva nel processo di elaborazione del lutto dopo la morte di una persona cara. È il modo in cui la mente elimina i ricordi inutili e blocca quelli che hanno un forte impatto emotivo negativo. È il modo in cui il nostro cervello lavora per lasciare andare il passato e concentrare l'attenzione sul presente e sul futuro. Si tratta quindi di un processo naturale che aiuta le persone ad adattarsi alla vita senza la persona amata e permette loro di andare avanti.

Tuttavia, al di là della sua funzione adattativa, dimenticare una persona cara può avere anche un enorme impatto emotivo. In effetti, non è raro che la maggior parte delle persone provi una certa malinconia quando nota che il ricordo di una persona cara si affievolisce poco a poco dopo la sua morte. Sono consapevoli che l'unica cosa che gli rimane di quella persona è il suo ricordo, e il pensiero che dimenticheranno sempre più dettagli della sua personalità, del suo fisico o delle esperienze condivise li rattrista. Si tratta di una reazione del tutto normale. Tuttavia, ci sono persone per le quali l'idea di dimenticare una persona cara dopo la sua morte costituisce un disagio e un'angoscia profondi e persistenti nel tempo, dando origine all'atazagorafobia.

Atazagorafobia, l'incontrollabile paura di dimenticare

L'atazagorafobia non è altro che la paura irrazionale e incontrollabile di dimenticare una persona cara o di essere dimenticati, di solito nel contesto della morte. Le persone affette da atazagorafobia provano grande angoscia e tristezza quando sono consapevoli della possibilità di dimenticare una persona. Spesso vivono in uno stato di insicurezza e di costante allerta nel tentativo di mantenere vivo il ricordo, il che può influire sulle loro responsabilità quotidiane e può impedire loro di concentrarsi e di vivere pienamente il presente.

In molti casi, è comune che creino una routine che consenta loro di ricordare la persona deceduta, che si tratti di andare a visitare costantemente il letto di morte o la tomba, di preparare la cena preferita del proprio caro un giorno alla settimana o di conservare alcuni dei suoi oggetti come se fossero dei tesori. Si tratta di una routine adattiva che aiuta molte persone ad affrontare la morte di una persona cara; il problema è che, per chi soffre di atazagorafobia, oltre a mantenere questa routine per molto più tempo del solito, abbandonarla provoca grande ansia e disagio emotivo.

A differenza di altri, le persone che soffrono di atazagorafobia hanno un legame tossico con la memoria dei loro cari. Sono talmente concentrati a non dimenticare che rimangono intrappolati nei ricordi del passato, rendendoli più vulnerabili al dolore patologico e alla depressione. Inoltre, è più difficile riprendere il controllo della propria vita e adattarsi alla realtà senza l'altra persona, perché la paura di dimenticare impedisce di andare avanti.

Come affrontare la paura di dimenticare?

La perdita di una persona cara è sempre un'esperienza dolorosa e difficile da affrontare. Tuttavia, poco a poco si dovrà accettare che non c’è più, adattarsi e ristrutturare il proprio mondo. Questo non significa dimenticare la sua esistenza, i momenti condivisi insieme e l'importanza che ha rivestito nella tua vita, ma vuol dire lasciar andare molti dei ricordi a cui oggi ti aggrappi. Ecco alcuni consigli che possono aiutarti a superare la paura di dimenticare i tuoi cari e ad evitare che il loro ricordo ti ferisca:

1. Essere consapevole delle proprie emozioni

Essere consapevole delle emozioni che si provano quando si dimentica un dettaglio della persona amata o la possibilità di non ricordare molti dei momenti che avete condiviso è il primo passo per accettare quanto sia difficile per te accettare la sua perdita e reagire. Riconoscere l'ansia di non poter visitare la sua tomba per una settimana o la paura che provi al pensiero che un giorno potresti non ricordare la sua risate ti aiuterà a prendere un po' di distanza emotiva, ad accettare che questo processo fa parte del tuo adattamento a una nuova vita e a controllare le tue emozioni. Riconoscere le proprie emozioni e rendersi conto dei propri pensieri è fondamentale per rendersi conto del danno che si sta subendo a causa di questo dolore. Ma anche in questo caso, si consiglia vivamente di ricevere supporto psicologico. 

2. Concediti il permesso di dimenticare i dettagli secondari

Dimenticare fa parte della vita, perché aiuta a "svuotare" la mente dalle esperienze passate per far posto alla creazione di nuovi ricordi. Quanto prima accetti questa realtà, tanto prima potrai lasciar andare molti dei ricordi secondari della persona amata. Riconoscere che la dimenticanza è un processo naturale è il primo passo per accettare che, ad un certo punto, non si ricorderanno alcuni dettagli di quella persona. Questo non significa che si sta dimenticando la persona amata, ma solo che si sta iniziando ad andare avanti e ad adattarsi alla nuova vita senza di lei.

3. Abbraccia i ricordi felici

Concentrarsi sui ricordi negativi, sui litigi avuti con la persona amata, sulle cose che avresti potuto fare ma non hai fatto o sulle esperienze vissute insieme non farà altro che accentuare la tristezza della sua perdita e farti sentire in colpa. Invece, ricordare i momenti felici trascorsi insieme, le esperienze che avete condiviso e le cose che avete amato di più di loro è un modo più sano per mantenere vivo il suo ricordo. Ricordare i momenti più felici, le esperienze divertenti o anche quei momenti imbarazzanti che ti hanno fatto sorridere ti aiuterà ad affrontare la sua morte con un atteggiamento più positivo.

4. Parla della sua morte in modo naturale

Parlare con le persone vicine della morte della persona amata è una buona strategia per affrontare la perdita. Condividere le paure, le preoccupazioni e le ansie per la perdita e la paura di dimenticarla non solo ti aiuterà a essere consapevole di ciò che ti sta accadendo, ma anche a gestire queste emozioni in modo più assertivo. È anche un ottimo modo per espellere e liberare la tensione emotiva dentro di te, così non solo ti sentirai più compreso, ma anche più leggero.

5. Fai una nuova esperienza in suo onore

Invece di mantenere una routine che ti ricorda la perdita della persona amata, concentrati sulla creazione di nuove esperienze che ti aiutino a mantenere vivo il suo ricordo mentre ti adatti alla vita senza di lei. Per esempio, se amava le cause ambientali, partecipa a una campagna di piantagione di alberi in suo onore, o segui quel corso di auto-miglioramento che ti ha sempre esortato ad iniziare. In questo modo, non solo conserverai il suo ricordo, ma ti concederai la possibilità di iniziare nuove esperienze, che ti daranno una nuova fonte di motivazione.

Infine, datti il tempo di riprenderti e sii paziente con te stesso. Accettare la perdita di una persona cara è un processo difficile e doloroso, in cui bisogna superare gradualmente delle tappe. Evitare la paura di dimenticare quella persona e imparare a conservarne la memoria senza esserne feriti non è qualcosa che si può ottenere da un giorno all'altro. Mentre un lutto sano può durare fino a un anno, l'atazagorafobia condiziona la vita, le decisioni e i comportamenti, diventando un'ossessione che può controllare la tua vita. Non è facile superarlo da soli e si consiglia vivamente di rivolgersi a uno psicologo per superarla al più presto e condurre una vita caratterizzata da un maggiore benessere emotivo.

In TherapyChat troverai professionisti in grado di consigliarti, sostenerti e aiutarti in modo sicuro e confidenziale.

Compartir artículo:

Artículos relacionados